Pubblica Consultazione Tassonomia XBRL Terzo Settore

Nel precedente articolo abbiamo visto che la tecnologia XBRL è uno standard mondiale che riguarda anche il mondo del terzo settore

I nuovi schemi di bilancio obbligatori da quest’anno (link) sono solo un primo passo verso l’adozione del linguaggio XBRL

Il secondo passo è l’adozione di una tassonomia specifica per il terzo settore. Una tassonomia è una classificazione di elementi che comprende non solo i singoli elementi ma anche tutte le loro possibili associazioni, combinazioni e operazioni. È facile intuire come il linguaggio XBRL possa rendere più facile e snella la fruizione, la compilazione e la redazione dei dati all’interno dell’informativa di bilancio. 

La tassonomia ETS (Enti Terzo Settore) viene oggi resa disponibile a chi volesse sperimentarla in vista dell’adozione obbligatoria del linguaggio XBRL. Nel foglio Excel reso disponibile dall’associazione XBRL Italia (link) è presente bozza della struttura e del contenuto della tassonomia in via di sviluppo con lo scopo di ricevere indicazioni utili al suo miglioramento. 

Il foglio Excel si compone di ventidue fogli: il primo è denominato “Indice e note” ed è quello più rilevante perché indica la struttura della tassonomia mentre il resto dei fogli contengono le singole tabelle. 

La tassonomia è costituita da due parti che prescindono dalla vera e propria informativa e contengono l’una i “dati identificativi dell’ente”, l’altra la “dichiarazione di conformità del bilancio”. La parte centrale, invece, è costituita dalla “codifica del bilancio di esercizio” e dalla “codifica del rendiconto per cassa”, strutture gerarchizzate di label (etichetta) XBRL da associare alle corrispondenti voci di bilancio. 

La codifica del bilancio di esercizio si compone di stato patrimoniale, rendiconto gestionale e relazione di missione. Le voci dello stato patrimoniale e del rendiconto gestionale corrispondono ai modelli A e B del d.m. del 5 marzo 2020 (link) mentre la relazione di missione corrisponde al modello C dello stesso decreto (eventualmente fare un altro articolo sulle precisazioni). La codifica del rendiconto di cassa è facilitato dalle informazioni contenute nei quattro blocchi di testo in “Altre informazioni” secondo il modello D dello stesso decreto. 

Utilizzando le tabelle BIL-X – create sulla base della tassonomia ETS-2022-05-31 che puoi scaricare gratuitamente al seguente link – la tua sperimentazione di redazione e conversione del bilancio sarà notevolmente facilitata. I fogli Word e Excel che ti mettiamo a disposizione gratuitamente non contengono, infatti, solo le label – le etichette, voci, che costituiscono la tassonomia – cui associare i tuoi dati di bilancio ma anche tutta una serie di agevolazione sviluppate con gli strumenti di MS Office: i collegamenti logici tra i valori nella forma di collegamenti Excel, totali e valori derivati attraverso formule Excel, controlli di quadratura, strutturazione in capitoli Word, aggiornamento automatico delle tabelle grazie a MS OLE. 

Una volta effettuata la sperimentazione l’ente del terzo settore può mandarci i suoi commenti, sarà nostra cura inviarli entro lunedì 5 settembre all’indirizzo xbrl_italia@xbrlitalia.it. Al di là della sperimentazione questa è un’ottima occasione per impostare già da subito il lavoro di redazione e conversione del bilancio e arrivare pronti, senza fiato sul collo, all’obbligatorietà.